domenica 27 gennaio 2008

Le persone che cercano

Ci sono persone che passano un'intera vita a cercare qualcosa, ossessionate dal raggiungimento di un certo obiettivo, gli atleti alla ricerca di un record o gli appassionati di sport estremi alla ricerca dei propri limiti, fisici o mentali, gente che scala vette impossibili o capaci di chiudersi in una grotta a vivere in solitudine per anni.
Ma senza prendere in considerazione questi casi più rari poi ci sono tutte le altre, molte di più e altrettanto ossessionate da una ricerca, la ricerca di una forma perfetta dell'aspetto fisico ideale o della migliore realizzazione sociale, l'idea dell'occupazione perfetta o l'incontro della propria vita, quello con la persona perfetta, "l'anima gemella". Gli innamorati dell'amore, i sentimentalisti che devolvono buona parte del loro tempo ed energie alla ricerca di quella persona, l'unica capace di sintetizzare a se tutte le qualità fisiche e caratteriali che hanno sempre desiderato, lo hanno letto sui libri lo hanno visto nei film allora si autoconvincono che deve essere proprio così. Basta osservare cosa si è disposti a spendere o a subire per ottenere tutte queste cose, dagli interventi chirurgici più deleteri ai peggiori compromessi morali che si posso immaginare, per capire a che livello una persona può essere determinata a ottenere una cosa che esiste soltanto nella propria mente e la cui scoperta sarà causa di tanta sofferenza.
Perchè non ci si rassegna all'idea che la perfezione non esiste, che non esiste l'impiego perfetto che non esiste l'anima gemella che il nostro aspetto o il nostro carattere non sarà mai perfetto per tutti e neanche per la persona che amiamo e che niente ci andrà alla perfezione per sempre, forse sembrerà perfetto per un certo periodo ma tutto cambia e col tempo anche il nostro concetto di perfezione.
E chissà quante storie si sono interrotte bruscamente quando uno dei due ha capito che l'altro non coincideva esattamente col proprio ideale di perfezione, tutte relazioni basate sulla malsana idea che ci siamo scelti l'unica e sola persona capace di stare bene con noi e che non ce ne saranno altre migliori.
Niente da dire se è una ricerca interiore fatta con onestà, la ricerca del proprio perfezionamento umano può essere una cosa sana se si basa su valori universalmente riconosciuti come "buoni" niente di strano se mi impegno per tutta la vita affinché io possa diventare un altruista perfetto a patto di riuscire a tenere ben in mente che sarà un obiettivo che non potrò mai raggiungere pienamente tanto che fino all'ultimo sentirò il rammarico di non avere fatto abbastanza.
Dobbiamo pretendere il meglio dalla vita, ci mancherebbe, non c'è cosa più triste che svegliarsi una mattina con l'idea che avremmo potuto ottenere di più, scoprire che potevamo dare il nostro amore a una persona che ci avrebbe capiti e amati di più ma adesso è la madre dei nostri figli sappiamo che forse almeno loro meritavano di più ma è sempre meglio di una separazione fatta per egoismo e allora pazienza, si tira avanti.
Credo che la soluzione sia quella di saper prendere coscienza che il meglio non sarà mai il massimo ma va bene lo stesso lo si accetta e si lotta soltanto per ottenere le cose meno sbagliate per la nostra vita e per quello che siamo; è pur sempre necessario iniziare da qualche parte altrimenti non saremo capaci di costruire mai nulla, come dice una bella canzone: costruire è sapere rinunciare alla perfezione.
Non si tratta di accontentarsi, ma di sentire nel proprio intimo che ciò che si ha già o che è alla nostra portata è proprio quello che ci serve e quello che può farci felici se solo noi imparassimo ad essere umili, l'umiltà di chi si riconosce imperfetto e che non può pretendere dalla vita la perfezione.
In quella bella trasposizione animata da Walt Disney del romanzo di Lewis, Alice chiede alla serratura di farla uscire dal paese delle meraviglie e la risposta che più la stupirà sarà quella di essere già fuori! Alice ha già quello che chiede perchè ciò da cui sta scappando sono soltanto dei brutti pensieri generati dalla sua mente durante un brutto sogno.



- Ti prego la regina di cuori vuole tagliarmi la testa,  devo uscire fuori!
- Ma sei già fuori, guarda tu stessa.
.

11 commenti:

salvina ha detto...

Ciao Marco,
hai ragione spesso stiamo male, viviamo male perchè non ci accontentiamo mai di ciò che abbiamo, siamo sempre alla ricerca di quel certo nonsochè che dovrebbe darci la felicità, viviamo insoddisfatti e non riusciamo a guardare aldilà del nostro naso, sogniamo vite ideali, amori ideali, e siamo i primi noi stessi a non sapere amare e non curarci di chi ci sta accanto, trascurandol, presi come siamo a costruirci la nostra vita ideale ...e poi non viviamo neanche quella reale

marco ha detto...

Infatti, il rischio peggiore è di non vivere pienamente la nostra vita, chi ha una percezione distorta della realtà non sono soltanto le anoressiche, ad esempio, che si vedono belle solo quando si riducono a cadaveri ambulanti, ma avviene anche a tutti noi tutte le volte che ci costruiamo in nostri bei castelli in aria, per carità in misura meno drammatica, con conseguenze meno tragiche ma credo che il meccanismo sia lo stesso e quando non sappiamo prenderli per quello che sono ovvero nient'altro che delle nostre proiezioni mentali poi quando scopriamo che la realtà ben diversa sono dolori!
Comunque vorrei sottolineare il fatto che chi scrive non è immune da queste cose ci mancherebbe, al contrario, ne parlo perchè ci sono passato anch'io, ho capito che questa cosa produce sofferenza però continuo a cascarci tutt'oggi!

ps: Complimenti per il tuo blog, facendo click sul tuo nome stranamente non compare. Se non ti da fastidio mi permetto di segnalare il link: http://nonsolociccia.blogspot.com/

skip ha detto...

Sain-Exupéry dice:"Forse l'amore è il processo con il quale ti riconduco dolcemente a te stesso. Non a ciò che io voglio che tu sia, ma a ciò che sei." ...è difficile crescere insieme , spesso si cresce per vie parallele

daniela ha detto...

Ah quella canzone di Niccolò Fabi! E quella frase! Quando l'ho ascoltata per la prima volta ho pensato le stesse cose che trovo scritte qui!

salvina ha detto...

Grazie Marco, ancora però sono all'inizio e ho scritto pochi articoli e purtroppo ho poco tempo per farlo. Grazie comunque anche per il tuo intervento nel mio blog.

Salvina ha detto...

Comunque ritornando all'argomento del blog, sì credo non ci sia cosa peggiore delle proiezioni mentali, il pensare determinate cose e non agire, soprattutto sulla gente farsi dei preconcetti e non fare mai il primo passo, anche nelle amicizie, negli affetti, il crearsi troppe aspettative da chi ci sta accanto, il volere che chi ci sta accanto si comporti in un determinato modo, e noi stiamo lì impassibili a non agire, a guardare. Sì credo che l'infelicità consista in questo: nel credere, cioè, che tutta la nostra felicità dipenda da un qualcosa esterno a noi e non da noi...

LAURA ha detto...

Non avevo mai inteso quell'immagine del cartone "Alice nel paese delle merviglie" secondo il significato da te riportato! Quando l'avevo visto ero troppo piccola per capire, dovrei rivedermelo adesso per comprenderlo meglio...

marco ha detto...

Grazie a tutte, per me è molto edificante sentire che ci sono persone che la vedono come la vedo io.

Anonimo ha detto...

è vero, si è felici non quando si ottiene ciò che si desidera ma quando si desidera ciò che si ha.
però è pur vero che noi siamo stati "progettati" per desiderare qualcosa o meglio qualcuno.
S. Agostino docet:"Dio ci ha fatti per Lui e il nostro cuore non ha pace finche non riposa in Lui".
il problema penso che sta nel confondere il desiderio di Dio con il desiderio di essere appagati nei rapporti sentimentali,nel lavoro, nella società, ecc..
molti di noi spesso abbiamo pensato guardando in tv la storia di qualche vip:ha tutto eppure non è felice!?.Perche a tutti ci manca Dio al povero e al ricco, all'ignorante e all'istruito.
conclusione?
penso che solo innamorandoci di Dio potremo gustare e dare senso a ciò che già abbiamo.
Non penso sia retorica,provare per credere!

ABICETTA ha detto...

Riuscire a gioire di quello che si ha. Guardarsi in torno e scoprire gioielli meravigliosi. E'la sfida più grande.

Anonimo ha detto...

Thank you for another great story. I’m really glad I was able to find this article. Has anyone else has a similar experience to the OP


thanxxx
loans for the unemployed